.
Corporate Social Responsability
World of Hairfashion and Beauty Business

PRODUCTS FOR HAIRDRESSERS AND SHOW - ENCYCLOPEDIC HAIR WEBSITE

news n°
100836
From gossip
11 May 2021

Emote

We’re all on our own path, with moods and emotions along the way. It’s the human condition. We even hide our true feelings to fit in. There are things we don’t want to show and even can’t show. What if hair actually reflected our mood, would people react to us differently? In this collection, I have captured moods we all, universally, experience: pink for love, peach for happiness, blue for envy, lilac for fear. In each image the mask signifies the public face; the hair represents the mood. So, what if hair could be the indicator of true self and true mood; wouldn’t we all be more sensitive to what’s going on for others – and ourselves if our hair colour gave clues to our own current feelings.

Artistic Team: Melissa Timperley Salon @melissasalons
Photographer: Roberto Aguilar @photo_aguilar
Products: Unite Hair Products @unite_hair
MUA: Beth Anderson @bethsmakeup
Stylist: simply_masquerade

hair-collections

Thanks for your like and your comment !

news n°
100801
From gossip
11 May 2021

Business consultant Phil Jackson from Build Your Salon, discusses how not all opinions count.

We are people pleasers: we have to be.

​​There aren’t many industries where your job, your career, your very success relies on the fact you can form an intimate relationship very quickly and maintain that friendly relationship with a customer over a long period of time.

​​The problem is that we reach a level of success where being a people-pleaser can actually start to hold us back. Let me explain.

I recently took a phone call from another salon coach - quite frequently I get approached by other mentors and coaches for a kind of "getting to know you call".  There's not usually an agenda: it's our form of networking I suppose.

I took a call from a guy who seemed nice - I hadn't spoken to him before but we ended up chatting for about an hour and a half. He'd come across my work in the past and he made one tiny throw away comment during our conversation. He probably didn’t mean anything by it and I don't think there was malice behind it, but it had a real impact on me.

He said "I didn’t expect to like you".

That tiny little comment is what stayed with me after. I started to replay it, lying in bed that night wondering what I was doing wrong that makes people switch off. I wondered about the content of my writing and my videos because I always share with an open heart and my intention is always that you have a stronger business because of our time together.

Nearly a week later I kind of had to give myself a metaphorical slap around the face and to remind myself that actually the only opinion that matters is that of your marketplace. It doesn’t matter what anyone else thinks - certainly not your competitor.

This guy is not and will never be my customer. He’s not you, he’s not my audience.

So I'm not sure who needs to hear this, but I’m giving you full permission to ignore as many opinions about your business as you would like from now on! Learn from my week of paranoia!
There are people out there who would try and tell you that you are too ambitious, there are people out there who will tell you the things that you are striving for are beyond you or are unrealistic, or maybe that you don’t even deserve them.

​​Those are the kinds of opinions that will hold you back and trying to please those people will destroy your success. They aren’t coming from a place of harm, they’re not trying to hurt you - in fact the opposite; they are trying to keep you safe and it’s uncomfortable for people to watch you change.

​Recognise the fear in others - then ignore them!

Thanks for your like and your comment !

news n°
100819
From gossip
11 May 2021

Follow the Sukeban Femme Fatales on a night of rebellion – a protest against the main stream gender norms and femenine expectations. The raucous gangs insignia faux leather jackets provide a perfect form which to adjust the style code one has been dealt in life, using pop culture leftovers, with even a nod to high fashion houses.

Between these layers of clothing the girls conceal weapons; chains, water pistols and bubble guns. Their hair fuses bright coloours, extreme textures and dog chewed fringes. The final elements to their rebellious style.

Hair: Dean Bradwell & Rachel Wrigglesworth
Colour: Becci Sweeney
Styling: Dean Bradwell
Makeup: Laura Mac
Photo: Liam Okes

hair-collections

Thanks for your like and your comment !

news n°
159842
From beautynews
11 May 2021

Questa storia c'entra con le uova. Non era questo il piano dall'inizio, ma in qualche modo siamo finiti con le uova. Volevamo creare una storia che fosse divertente e che non si prendesse troppo sul serio. Ed era importante che questo si riflettesse in una moda primavera estate rilassata con una combinazione di colori solari. Abbiamo iniziato la giornata con diversi oggetti di scena insoliti, sperando di scoprire qualcosa di interessante o spontaneo. Una delle modelle ha afferrato un uovo e l'ha sbattuto contro un pezzo di perspex, l'uovo è andato dappertutto, abbiamo riso tutti. Ha prodotto un momento che non ci aspettavamo e da questo siamo stati in grado di creare una storia.

Fotografo - Samuel Stephenson 

Nato a Londra, Samuel è un fotografo e regista che confonde i confini tra immagini in movimento e immagini fisse. Mira a produrre un lavoro che sia giocoso e seducente, ma soprattutto diverso.

Fashion Stylist - Aurelie Mason-Perez

Aurelie Mason-Perez ha lavorato al fianco di alcuni dei più grandi nomi dell'industria della moda. La sua esperienza e il suo stile individuale le hanno permesso di prosperare e costruire una solida reputazione

Team Credits 

Fotografo - Samuel Stephenson @samuel_stephenson_ Fashion Stylist - Aurelie Mason-Perez @aureliemasonperez_ Make Up - Bobana Parojcic @bobanaparojcic Hair - Pål Berdahl @palberdahl Modelle : Olivia Shelton @models1 Olga Holinka @titaniummanagement

Special thanks to Hristo Hristov

Top Nanushka, pantaloni Nanushka, gioielli Phine
2020_10_11_EXPERIMENT_E_PAGE__01.jpg
Top Nanushka, pantaloni Nanushka, gioielli Phine
Samuel Stephenson
Camicia Nanushka, gioielli Phine
2020_10_11_EXPERIMENT_E_PAGE__02.jpg
A sinistra: camicia Nanushka, gioielli Phine. A destra: blazer Roksanda, top L By Lisa, pantaloni Roksanda, scarpe Toga, gioielli Phine
Samuel Stephenson
ring Phine shirt Nanushka, jewellery Phine
2020_10_11_EXPERIMENT_E_PAGE__03.jpg
A sinistra: anello Phine. A destra camicia Nanushka, gioielli Phine
Samuel Stephenson
top Amlul, pants Amlul, jewellery Phine top Roksanda, vest Roksanda, shorts L By Lisa, shoes Toga, socks Swedish Stockings, jewellery Phine
2020_10_11_EXPERIMENT_E_PAGE__04.jpg
A sinistra: top e pantaloni Amlul, gioielli Phine. A destra: top Roksanda, gilet Roksanda, shorts L By Lisa, scarpe Toga, calze Swedish Stockings, gioielli Phine
Samuel Stephenson
2020_10_11_EXPERIMENT_E_PAGE__05.jpgSamuel Stephenson
A sinistra: camicia Nanushka, gioielli Phine. A destra: top Nanushka, pantaloni Nanushka, gioielli Phine
2020_10_11_EXPERIMENT_E_PAGE__06.jpg
A sinistra: camicia Nanushka, gioielli Phine. A destra: top Nanushka, pantaloni Nanushka, gioielli Phine
Samuel Stephenson
A sinistra: blazer Nanushka, abito Luna Del Pinal, gioielli Phine. A destra: top Amlul, pantaloni Amlul, gioielli Phine
2020_10_11_EXPERIMENT_E_PAGE__07.jpg
A sinistra: blazer Nanushka, abito Luna Del Pinal, gioielli Phine. A destra: top Amlul, pantaloni Amlul, gioielli Phine
Samuel Stephenson
news n°
100843
From gossip
11 May 2021

Kinks

A kink satisfies the urge of a sharp twist or curve.  When you wear a mask, you can hide behind the physical barrier and become a new person with different inhibitions.  You can release your kinks and follow your forbidden urges until you want to reveal your true self. In this collection we have used tight curls twists and bends to reveal our kinks in the hair. 

Hair: Melissa Timperley, Melissa Timperley Salons @melissasalons
Photographer: Roberto Aguilar @photo_aguilar
Products: Unite Hair Products @unite_hair
MUA: Beth Anderson @bethsmakeup
Stylist: simply_masquerade

hair-collections

Thanks for your like and your comment !

news n°
100745
From gossip
10 May 2021

Work 1: Twine Interlocking Combo

  • Image 1: We prepare the hair with the “Medialdea Method” texturing techniques and proceed to the marking with a 32 mm diameter tweezers. We brush the hair, apply a little shine spray and we are ready to start working.
  • Image 2: We separate the front and the sides, collect a section of the crown in a ponytail and we deconstruct it a little.
  • Image 3: We take a section of the side of about 3 cm thick, we create a soft cord and we join it to the rubber band of our central section.
  • Image 4: We carry out the same previous step on the other side.
  • Image 5: With the central section we begin to make a caterpillar braid with our twine, releasing a small lock from each crossing.
  • Image 6: We close the section at about 8cm with a rubber band, creating a bubble and leaving the interlacing of the string in its center, with the same string we circle the rubber band several times to leave it covered.
  • Image 7: We repeat the previous step in the next area (8cm) of the same section, we can help ourselves with tweezers, if necessary.
  • Image 8: We continue to carry out steps 6 and 7 until we finish with the length of the entire section.
  • Image 9: We take a 3 cm section from the side, we make a caterpillar braid in it, weaving the string along the entire length of the section.
  • Image 10: We carry out the same previous step on the opposite side.
  • Image 11: We again take a 3cm section from each side. In these sections I have been fusing caterpillar braid with more bubble and twine and so on until I finish with the length of the section. But we leave this part to your creativity, we can mix with French braids, twine, bubbles, etc. (You have to have fun and unleash your imagination and creativity).
  • Image 12: We finish our work by adding some feathers, wooden balls or some twine at the ends of our braiding, to still give a more boho, Viking and warrior touch.
  • Image 13: Perspective of the finished side.
  • Image 14: Final image of our first bridal proposal: "Boho Viking"

Work 2: Pointed braid crowned with a French braid

  • Image 1: We prepare the hair with the “Medialdea Method” texturing techniques and we proceed to the marking with a 38 mm diameter tweezers. We brush the hair, apply a little shine spray and we are ready to start working.
  • Image 2: We separate the front and sides, we collect a section of the crown in a ponytail, we introduce it inside and we deconstruct it a little.
  • Image 3: We make a French braid on the right side and hold in the center with a hairpin.
  • Image 4: We eliminate the fluffiness by destructuring the previously created braid.
  • Image 5: We carry out the last two steps on the other side.
  • Image 6: We take a central section of about 6 cm and make a ponytail.
  • Image 7: We take a central section below the previous one of another 6 cm, divide it in the center and go over the previous section, holding it with a rubber band.
  • Image 8: We repeat the previous step.
  • Image 9: In the two side sections, we create a soft twist and join in the center with a rubber band, under the central section.
  • Image 10: From this section we open in two, and superimpose the central section joining with a rubber band.
  • Image 11: With the remaining hair in the lower area, we do the same as in step (B09), leaving all the hair gathered in two ponytails.
  • Image 12: We take the lower ponytail, divide it in two and superimpose it on the upper one, passing this through the center. We hold it with a rubber band. We go through this step until we finish with the entire length of the hair.
  • Image 13: Finished work (side).
  • Image 14: Finished work (we can garnish it, depending on the type of bride, with various decorative elements, preserved flowers, natural flowers, jewels, porcelain, etc. On this occasion and to achieve this total look, we have opted for some jewel needles, with stones and butterfly motifs. It’s very trendy.)

Work 3: Heart braid on textured hair

  • Image 1: We prepare the hair with the “Medialdea Method” texturing techniques and proceed to the marking with a 32 mm diameter tweezers. We brush the hair, apply a little shine spray and we are ready to start working.
  • Image 2: We separate the front and sides, collect a section of the crown in a ponytail, and deconstruct a little.
  • Image 3: We take a section of the side of about 4 cm thick, we create a soft twist, we open it to get fluffiness and we define some lines, helping us with some needles. We fix in the center with a pressure hairpin.
  • Image 4: We carry out the same previous step on the other side.
  • Image 5: We take two central sections of about 5/6 cm, one on top of the other and create a ponytail with each section.
  • Image 6: We open the upper ponytail in two sections and we pass the lower one through the center. A clip will facilitate our work.
  • Image 7: We collect the previous section, we divide it in two and join it with a rubber band creating a single ponytail.
  • Image 8: We continue to carry out steps 6 and 7 with these two ponytails.
  • Image 9: We remove the needles and continue with the previous steps, until we finish with the entire length of the hair.
  • Image 10: We finish our braiding, destructuring a little to create more thickness and fluffiness in our braid. We join the two ends of the sections into one and cover the rubber band.
  • Image 11: Finished job (side)
  • Image 12: Work completed (other side)
  • Image 13: We can garnish the finished updo with multiple decorative elements. This time we have opted for these handcrafted pieces in jewel headdresses, in aged gold and crystal. A total look that takes us back in time.
  • Image 14: Frontals, loose effect, ideal for girls who identify and feel more secure with her hair in front.

Hair: Juanmy Medialdea
Hair Instagram: @juanmy_medialdea
Photography: Jose Santo Palomo @santopalomo
MUA: Sergio Castillo @sergiocastillo_makeup
Headpieces: Silvia Peinado
Models agency: Raquel Nofuentes

hair-collections

Thanks for your like and your comment !

news n°
100869
From gossip
11 May 2021

The S E N S U A L collection is based on an empirical approach to female sensuality, in which the avant-garde flows smoothly into everyday trends. The inspiration for haircuts were timeless cuts in an ethereal edition in combination with a modern color palette.

Hair: Dominik Podwika
Photo: Sonia Kumidaj
Make up: Wiola Szkudlarek
Style: Aleksandra Fu
Clothes: Oho design
Jewelry: Prive
Models: Luna Domin, Sawasciuk Yulo, Daria Hupa, Olena Matoshniuk

hair-collections

Thanks for your like and your comment !

news n°
100859
From gossip
11 May 2021

When everything is reversed, it is time to turn the situation around to find the way, and sufficient clarity to grasp reality. A change in perspective, techniques, and resources always leads us to a different result that breaks with the predictable and expected.

In this collection, hair is the main protagonist, without the support of other means than knowledge, raw materials and creativity. And this is how it becomes an art piece of the image, a complement that arises to become an object, transcending from its mere function. Volumes are clean and show great technical skill by not resorting to hairpieces or hairpins. It is a demonstration of the infinite possibilities that images present to transform our beliefs, the perspectives of what is real.

Hair: Mikel Luzea @mikelluzea
Photography: David Arnal @davidarnalteam
Make up: Alicia Najera
Styling: Eunnis Mesa @eunnismesa

hair-collections

Thanks for your like and your comment !

news n°
159837
From beautynews
11 May 2021

Tra i gioielli dell'estate 2021 che vanno di moda, troviamo un revival multicolor: collanine, braccialetti, cavigliere e orecchini realizzati con perline e carichi di charms. Una tendenza che non è nuova per chi ha vissuto l’infanzia e l'adolescenza negli anni '90

Bottega Veneta
Bottega Veneta
La moda dell'estate 2021 e il fattore nostalgia

Il fatto è che la nostalgia sta diventando uno dei sentimenti più popolari: guardare ai tempi passati con dolci ricordi, diventa una piacevole medicina per affrontare i tempi difficili che corrono. Amore per le piccole e semplici “cose”, un pizzico d'ingenuità e tanta voglia di adornarsi con accessori che hanno tutto il sapore del gioco e non del prezioso

Il colore è un fattore centrale e predominante: tonalità pastello, come le caramelle di zucchero e gelatina donate dalle nonne, ma anche sfumature audaci che ricordano i corredi delle bambole ( Barbie e Polly Pocket). Oggi quei codici tanto melanconici quanto fanciulleschi, sotto forma di gioielli giocosi, diventeranno il tormentone dell'estate 2021

Cuori, stelle, fragole e ciucci anni '90

All'epoca, collanine e braccialetti (ma anche occhiali a forma di cuore o stella, per giovanissime “Lolite”) si trovavano nel giornale: preso nel doposcuola, si metteva il cartaceo nella cartella per sfogliarlo sul letto o sul divano, mentre l'attenzione era immediatamente catturata da quell'accessorio colorato, realizzato con perle trasparenti più o meno grandi. Un'occasione come tante, visto che oggetti simili si potevano trovare in vendita edicola o come gadget nelle confezioni di patatine, merendine e caramelle. 

Tra i charms più sognati ( e che tutte noi abbiamo collezionato), troviamo i “ciucci” di plastica: messi al collo, appuntati ai jeans o infilati tra i lacci delle sneakers, offrivano un tocco di colore ironico ai look delle giovani donne.

Infine i kit regalati per le grandi occasioni ( come il compleanno o il Natale): veri e propri set completi di elastici, fili di nylon, catene e perline che mettevano alla prova la creatività di ogni bambina. Le più dotate di manualità si cimentavano in intrecci, fiori e motivo geometrici realizzati con i colori diversi tentando anche con qualche tecnica dell'arte giapponese kumihimo

Un passatempo hand made che oggi non vediamo l'ora di rispolverare per arricchire il portagioie di nuovi gioielli realizzati per l'estate 2021…

Selfridges
Selfridges
news n°
159839
From beautynews
11 May 2021

Se vogliamo parlare del loro stile di coppia non possiamo che partire dalle loro nozze, avvenute il 29 aprile 2011. Kate Middleton e il principe William hanno infatti appena festeggiato 10 anni di matrimonio: e quella data resterà nei libri di storia sui reali come il giorno in cui tutto il mondo ha assistito a un matrimonio di straordinaria grandezza e glamour. Solo nel Regno Unito, circa 25 milioni di persone si sono sintonizzate per seguire la cerimonia, e altre centinaia di milioni all over the world. La duchessa di Cambridge indossava un abito ispirato alla tradizione vittoriana disegnato da Sarah Burton di Alexander McQueen, con applicazioni floreali in pizzo e uno strascico lungo 2,7 metri. Il Duca, invece, portava un’uniforme rossa delle Guardie irlandesi realizzata in frescolana per non soffrire il caldo.

LONDON, ENGLAND - APRIL 29:  Prince William and Catherine Middleton leave Westminster Abbey following their Royal Wedding on April 29, 2011 in London, England.  (Photo by Anwar Hussein/Getty Images)
Royal Style
Kate Middleton: la storia del suo abito da sposa firmato Alexander McQueen
Il 29 aprile del 2011 Kate Middleton sposò il Principe William con una preziosa creazione realizzata da Sarah Burton

Quel giorno ha preparato la strada agli stili personali degli sposi, che hanno continuato a mostrarsi allineati sia nelle occasioni ufficiali che nella vita privata. Per le uscite informali, Kate predilige un abito floreale abbinato a una scarpa décolleté classica, mentre il principe William preferisce un abito in due pezzi scuro. Per occasioni più formali, invece, la Duchessa ama abbinare gioielli della collezione reale con abiti lunghi e drappeggiati in tessuti sontuosi, mentre il duca sceglie quasi sempre un impeccabile smoking nero con ampio rever in seta.

Vediamo insieme gli 11 look da red carpet più memorabili dei reali, secondo Vogue.

principe william e duchessa di kent ai bafta 2020
Serata dei Bafta
Presenziando ai BAFTA a febbraio 2020, la duchessa ha fatto una scelta sostenibile riciclando uno splendido abito bianco e oro di Alexander McQueen che aveva indossato nel royal tour della coppia in Malesia nel 2012, mentre il principe William ha optato per il suo fidato smoking con il rever in seta.
Getty Images
William e Kate, Duca e duchessa di Cambridge, alla prima del film Mandela: la lunga strada verso la libertà
La lucentessa del color avorio
Alla prima londinese del film Mandela: La lunga strada verso la libertà nel 2013, la Duchessa ha indossato un lucente abito lungo color avorio di Roland Mouret con pochette e scarpe col tacco nere e il principe William ha utilizzato lo stesso schema di colori con un elegante smoking nero.
Getty Images
William e Kate alla prima londinese di Spectre
Come una Bond girl
Alla prima londinese di Spectre nell’ottobre del 2015, la coppia ha sfoggiato un look ispirato a James Bond, con la Duchessa in svolazzante abito celeste di Jenny Packham, sandali alti Jimmy Choo e orecchini Robinson Pelham.
Getty Images
La duchessa di Cambridge al settantesimo anniversario dei Bafta nel 2017
Una serata in Alexander McQueen
Al settantesimo anniversario dei Bafta nel 2017, la duchessa di Cambridge ha scelto il suo stilista preferito, Alexander McQueen, indossando un abito floreale nero con le spalle scoperte.
Getty Images
William, duca di Cambridge e Kate Middleton, Bafta
I gioielli della Corona
Al Brits To Watch dei BAFTA a Los Angeles, la Duchessa ha indossato un abito pastello di Alexander McQueen, pochette e sandali con tacco Jimmy Choo e orecchini pendenti presi in prestito dalla collezione della Regina. Il Duca al solito in smoking, ma con l’aggiunta di un fazzolettino bianco perla a completare il look.
Getty Images
William e Kate ai Bafta 2019
Un tenero omaggio
Ai Bafta del 2019, la Duchessa ha reso un commovente tributo a Diana indossando gli orecchini di perle e diamanti della principessa scomparsa insieme al bracciale di diamanti a quadrifoglio della Regina, abito e clutch di Alexander McQueen, e scarpe col tacco Jimmy Choo.
Getty Images
Image may contain: Prince William, Duke of Cambridge, Human, Person, Fashion, Tie, Accessories, Accessory, and Premiere
Glitter e scintillante
Per il red carpet dei Tusk Conservation Awards, nel 2013, la Duchessa ha scelto uno dei suoi designer preferiti, Jenny Packham, a fianco del duca di Cambridge con il suo classico smoking nero in lana e papillon.
Shutterstock
William e Kate cena di gala Mumbai India 2016
Royal blue
Per una cena di gala a Mumbai, in India, nel 2016, la duchessa di Cambridge ha scelto un lungo abito blu drappeggiato di Jenny Packham e orecchini abbinati.
Getty Images
Image may contain: Prince William, Duke of Cambridge, Human, Person, Clothing, Apparel, Tie, Accessories, and Accessory
Primavera a Parigi
Durante una visita a Parigi a marzo 2017, la Duchessa era abbagliante con un prezioso abito chiaro di Jenny Packham, scarpe con tacco abbinate di Oscar de la Renta e orecchini e bracciale di brillanti presi in prestito dalla Regina.
Getty Images
Kate e William alla prima di African Cats nel 2012
Appuntamento al cinema
Per la prima di African Cats nel 2012, nel Regno Unito, il principe William devia dal solito completo nero con un abito blu e una cravatta porpora, mentre la Duchessa opta per un abito al ginocchio di Matthew Williamson abbinato a orecchini Kiki McDonough.
Getty Images
William e Kate alla prima londinese del film War Horse nel 2012
Una giornata di pioggia
Alla prima londinese del film War Horse nel 2012, la coppia reale è stata sorpresa dalla pioggia mentre attraversava il red carpet, con la Duchessa in abito Temperley e pochette in velluto nero Mascarò a completare il look.
Getty Images
news n°
159835
From beautynews
11 May 2021
I prodotti beauty a base di argan
I prodotti beauty a base di argan
I prodotti beauty a base di argan
I prodotti beauty a base di argan
I prodotti beauty a base di argan
I prodotti beauty a base di argan
I prodotti beauty a base di argan
I prodotti beauty a base di argan
I prodotti beauty a base di argan
I prodotti beauty a base di argan
I prodotti beauty a base di argan
I prodotti beauty a base di argan
I prodotti beauty a base di argan
I prodotti beauty a base di argan
I prodotti beauty a base di argan
I prodotti beauty a base di argan
I prodotti beauty a base di argan
I prodotti beauty a base di argan

A partire da quest’anno, il 10 maggio sarà ufficialmente la Giornata Internazionale dell’Argan. A proclamarla è stata l’Assemblea generale delle Nazioni Unite, sotto la spinta del Marocco, che ha voluto dedicare una data speciale alla valorizzazione e protezione del prezioso albero endemico.

La scelta della data non è casuale. Il 10 maggio, infatti, si ispira al ciclo di maturazione del frutto dell’albero di argan, patrimonio culturale immateriale dell’umanità e risorsa ancestrale di sviluppo sostenibile. Un riconoscimento ufficiale quindi, volto a celebrare questo prezioso alleato naturale, tra i più diffusi e amati nella beauty routine.

Gli usi e i benefici dell’olio di argan, infatti, sono innumerevoli. Ricco di vitamine, polifenoli, e omega-6, le sue proprietà nutrienti e idratanti lo consacrano come prodotto versatile e multi-tasking.

CAPELLI Anti-ossidante, nutriente, idratante, anti-infiammatorio, è un alleato perfetto in caso di capelli crespi o sfibrati. Ottimo districante, svolge un’azione protettiva dal calore di strumenti a caldo. Inoltre regala morbidezza alle chiome più secche e tendenti alle doppie punte. Ne basta qualche goccia per avere capelli luminosi e splendenti.

VISO L’olio di argan è un prezioso alleato antiage per il viso. Da solo oppure mescolato alla abituale crema idratante, aiuta a regalare un aspetto più fresco, sano, compatto, rilasciando una pelle più distesa e radiosa. E piacevolmente profumata.

PELLE Oltre ad apportare un’immediata sensazione di morbidezza, aiuta a contrastare la formazione delle smagliature. Ideale per sublimare l’abbronzatura, ha un effetto lenitivo nel caso di scottature da sole selvaggio. Massaggiato sul corpo, rilascia una pelle elastica, vellutata, compatta. Oltre a nutrirla in profondità.

MANI E UNGHIE Un vero alleato nel caso di piccoli taglietti e mani secche. Grazie alle sue proprietà lenitive e cicatrizzanti, l’olio di argan aiuta donare morbidezza ed elasticità. Ma non solo. Anche le unghie ne gioveranno, soprattutto quelle che tendono a sfaldarsi, apparendo più forti e lucenti.

LEGGI ANCHELe star che usano i cristalli nella loro beauty routine

LEGGI ANCHESkincare è il nuovo makeup, ecco come ottenere il dewy look che piace alle star

news n°
100785
From gossip
10 May 2021

Find out the latest hair collection calleed Blow, made by Caroline Sanderson, the international hairstylist from UK.

Hair: Caroline Sanderson Ego Hair Design
Makeup: Sarah Anne
Styling: Carla Zebrowski
Photographer: Richard Miles

hair-collections

Thanks for your like and your comment !

news n°
159841
From beautynews
11 May 2021
I pantaloni a zampa sono tra i trend imperdibili delle collezioni PE 2021. Vi raccontiamo da dove arriva questa silhouette e come si indossa oggi

A zampa, a campana, twist. Sono diversi i nomi per identificare i celebri pantaloni stretti sulla coscia e svasati dal ginocchio in poi. Ma siamo tutti d’accordo sul fatto che, sebbene si tratti di un capo nato negli Anni 30, rappresentino alla perfezione gli anni delle ribellione (fine 60 e 70), periodo in cui divennero popolarissimi, e di cui possono quasi definirsi un simbolo, pensando maggiormente a quell'immaginario hippie che li ha resi un capo icona. Se siete dei fan dello stile Seventies, la primavera estate 2021 ha in serbo per voi tante sorprese, perché i pantaloni a zampa sono tra i modelli must-have di stagione.

Vera celebrazione degli Anni 70 ma in versione sofisticata sono i pantaloni di Victoria Beckham, caratterizzati da un taglio sul fondo, un modello che ha già conquistato star e trend setter. Alberta Ferretti preferisce, invece, il mondo hippie e propone un modello di suede con fili di lino e canapa intrecciati a mano e infilati nei fori posizionati sulla silhouette, che enfatizzano la linea leggermente svasata sul fondo. Tra le proposte di Bottega Veneta, spiccano i jeans effetto attorcigliato decorato con applicazioni luminose: da indossare in total denim. Balmain, infine, rende questa silhouette protagonista assoluta della sua collezione, declinandolo su ogni modello, tailleur inclusi.

Trend
Pantaloni estivi: 5 modelli che fanno tendenza
I modelli senza tempo che celebrano l'estate dalle sfilate

Guardate la gallery dedicata ai pantaloni a zampa PE 2021, il nuovo trend dalle sfilate.

Victoria Beckham
Victoria Beckham
Victoria Beckham
Victoria Beckham
Bottega Veneta
Bottega Veneta
Bottega Veneta
Bottega Veneta
Bottega Veneta
Bottega Veneta
Bottega Veneta
Bottega Veneta
Alberta Ferretti
Alberta Ferretti
Chloé
Chloé
Chloé
Chloé
Balmain
Balmain
Balmain
Balmain
Balmain
Balmain
Balmain
Balmain
Balmain
Balmain
Balmain
Balmain
Balmain
Balmain
Balmain
Balmain
Jacquemus
Jacquemus
DSquared2
DSquared2
Luisa Spagnoli
Luisa Spagnoli
news n°
100726
From gossip
07 May 2021

Find out the latest hair collection called Re-exposure, made by Jason Hall, the international hairstylist from UK.

Hair: Jason hall
Photography: Desmond Murray
Make Up Artists: Kelly Cripps and Jo Sugar
Models: Colours Agency

hair-collections

Thanks for your like and your comment !

news n°
159843
From beautynews
11 May 2021

Teatro online? Invitro. Chiusure, riaperture, forse no, forse sì. Il balletto che ha coinvolto il mondo culturale in questi ultimi (tanti) mesi sembra finalmente essersi risolto con riaperture di cinema, teatri, musei, luoghi culturali. Contingentati, ovviamente, giusto così. Però chissà, resta un “forse” per un futuro che ormai non si dà più per scontato.  Poi resta dell’altro, molto più significativo, per lo meno in termini umani o di “resilienza”, parola di cui spesso si è abusato, (ma non perdiamone per questo il significato): alcune realtà hanno fatto rete per trovare soluzioni, e in tanti, dopo un iniziale e forse fisiologico blocco, hanno battuto nuove strade. La cultura a questo ci abitua: a immaginare altro, l’infinito otre la siepe. È questo il caso del neonato progetto Invitro, la stagione di teatro online, on demand. In vitro, da definizione  della Treccani, rimanda a “processi biologici che si fanno avvenire in laboratorio, dentro una provetta o in altro recipiente di vetro e, comunque, al di fuori dell’organismo vivente”.  Sicuramente il teatro, come il cinema, la musica, così come l’arte tutta, hanno pesi diversi se fruiti dal vivo o a distanza. Ma questo è un esperimento, e gli esperimenti derivano sempre da una ricerca e la ricerca presuppone scoperta ed evoluzione e l’evoluzione è strettamente connessa con la vita.  Perciò verrebbe da dedurre che si è “al di fuori dell’organismo vivente” solo in un primo momento.

Invitro è una piattaforma su cui è possibile, fino al 30 settembre per il momento, trovare sette spettacoli creati appositamente per il web, curati da altrettanti teatri lombardi: Teatro dell’Elfo, Teatro del Buratto, MTM Manifatture Teatrali Milanesi, Teatro Menotti, Teatro della Cooperativa, Teatro Magro di Mantova e Industria Scenica di Vimodrone.  Vero che ora (finalmente) è possibile tornare in sala, ma questo progetto si pone anche in un’altra ottica, quella della cooperazione innanzitutto tra diverse realtà e quella dell’esplorazione di nuove forme di fruizione. Non poco significativo, poi, il fatto che ogni biglietto o abbonamento andrà in parte a sostenere una raccolta fondi a favore dei lavoratori dello spettacolo. Non certo una soluzione, ma un chiaro messaggio che, aggiungendosi ai tanti emersi in questi ultimi mesi, si spera possa smuovere decisioni politiche negli anni a venire.  “Un’occasione per ripensare il futuro”. Un tempo che, più che in altri periodi storici, va riconquistato e reimmaginato, come già era emerso in altre occasioni.

“Crediamo fortemente in questo progetto e stiamo lavorando affinché questa piattaforma evolva a tutti gli effetti in una prima sperimentazione di piattaforma digitale cooperativa. Ogni teatro è stato lasciato libero di portare in scena uno spettacolo a sua scelta, senza un coordinamento artistico iniziale. Eppure, dopo aver visto tutti e 7 gli spettacoli, ci siamo accorti che è come se fosse stata data linea guida: esistono dei fili conduttori…dei contenuti e dei temi trasversali (bullismo, diritti delle donne, ndr) che attraversano e uniscono gli spettacoli tra loro, offrendo quindi agli utenti la possibilità di un percorso non solo artistico, ma anche culturale e sociale”. Non resta che scoprire il programma e partecipare.

news n°
159836
From beautynews
11 May 2021

? ( Guess My Sign) è il titolo dello shooting di Ezra Petronio per il numero di maggio di Vogue Italia. Lo styling è stato affidato a Elodie David-Touboul

Ecco alcuni scatti tratti dal servizio.

Sul viso, Sublimage L’Essence De Teint, B40, Chanel. Orecchini e collier N°5 Cascade in oro bianco con diamanti, Chanel Haute Joaillerie. Top con spalline gioiello, Chanel.
Sul viso, Sublimage L’Essence De Teint, B40, Chanel. Orecchini e collier N°5 Cascade in oro bianco con diamanti, Chanel Haute Joaillerie. Top con spalline gioiello, Chanel.
Ezra Petronio
Ideale per occhi sensibili, Toleriane matita occhi, black, La Roche Posay. Collana Circlet in platino con diamanti, Tiffany & Co. Giacca di pelle, Celine by Hedi Slimane.
Ideale per occhi sensibili, Toleriane matita occhi, black, La Roche Posay. Collana Circlet in platino con diamanti, Tiffany & Co. Giacca di pelle, Celine by Hedi Slimane.
Ezra Petronio

Crediti moda: Photography by Ezra Petronio Styling by Elodie David-Touboul Model: Lara Mullen @ Oui Management Make-up Hiromi Ueda @ Art + Commerce Hair Stéphane Lancien @ Calliste Agency

In apertura: protezione quotidiana per la pelle con Capital Soleil UV-Age Daily, Vichy. Collier e orecchini Anansi in platino con peridoti e diamanti esagonali, brillanti e sfere sfaccettate di diamanti e peridoti, Collezione Alta Gioielleria [Sur]Naturel, Cartier. Maglia di cotone, Intimissimi Uomo.

Sfogliate il servizio sul numero di maggio di Vogue Italia, in edicola dal 5 maggio

Per abbonarti a Vogue Italia, clicca qui   

news n°
159834
From beautynews
11 May 2021
1. Il Trono di Spade
2. Gossip Girl
3. Sex and The City
4. Charlie's Angles
5. Peaky Blinders
6. Vita da strega
7. Bridgerton
8. The Last Kingdom
9. La Regina degli Scacchi
10. Vikings
11. Friends
12. Willy, il Principe di Bel Air
13. Bayside School
14. Desperate Housewives

Quando si tratta di cercare ispirazione per tagli di capelli, acconciature e hairlook, la TV non smette di confermarsi  luogo ideale da cui attingere. Se prima, però, si andava dal parrucchiere con il famoso ritaglio di giornale tra le mani, e si sfogliavano riviste su riviste, per trovare l’immagine giusta oggi ci si rivolge ai social, tra tutti Pinterest che fornisce migliaia di scintille creative grazie alle bacheche virtuali tematiche su numerosi argomenti, tra i quali, naturalmente, i capelli.

Con una sorta di gioco incrociato, gli esperti di haircare di Longevita Hair Transplant sono andati alla ricerca del programma TV più ispiratore in fatto di chiome. Per questo hanno raccolto un elenco delle acconciature più iconiche del piccolo schermo e confrontato i dati di Pinterest per riuscire a decretare quale show abbia i pin e le bacheche più dedicate. Tra tutti, a fornire più #HairGoals in assoluto è Il Trono di Spade che sbaraglia la concorrenza raccogliendo un totale di 30.604 pin e bacheche. Le iconiche trecce di Daenerys aka Emilia Clarke hanno ossessionato chiunque perché proposte in mille sfumature. Ma la Regina dei Draghi è una hairpedia anche di beach waves e frisè anni ’80 che ha contribuito a riportare in auge qualche anno fa e che hanno ispirato anche moda e passerelle.

Al secondo posto Gossip Girl, e non avevamo dubbi. In attesa del reboot, mentre aspettiamo di fare man bassa di chiome, tagli e styling super trendy in versione anni ’20 del Terzo Millennio tutti da copiare, le fasce e i cerchietti di Blair Waldorf e le lussureggianti onde dorate di Serena Van Der Woodsen hanno contribuito a far conquistare al telefilm anni 2000 ben 12.657 board e pin. Chiude il podio la leggendaria chioma curly di Carrie Bradshaw in Sex and The City, tra le prime iper modaiole a farsi portavoce dell’orgoglio riccio nei tiratissimi anni ’90, dove davvero, o la piastra o la vita.

A un soffio dalla medaglia, che comunque diamo loro ad honorem, le mitologiche Charlie’s Angels: le loro acconciature anni 70 (su tutte quella di Farrah Fawcett) sono più attuali che mai. Per le detective più stilose della Tv 3.817 pin e bacheche totali.  La serie Tv Netflix dell’anno, Bridgerton, che ha conquistato tutte con i suoi chignon romantici, raccolti barocchi, mini frange leziose e parrucche formato XXL (opera di Marc Elliot Pilcher), è invece settima.

Al nono per Pinterest troviamo La Regina degli scacchi: visto che la storia si svolge tra anni ’40 e ’60, il glamour è a mille. Per tutti i look sono stati utilizzate parrucche come sottolineato dall’hairstylist della serie Daniel Parker. Proprio a lui si deve la decisione che Beth Harmon, la protagonista interpretata dalla platinata Anya Taylor-Joy, dovesse essere rossa per conferire al personaggio una sfumatura più indipendente.

Clamorosamente fuori dalla Top 10, Friends: undicesimo nella classifica social, ma primo nei cuori di molte per aver regalato hairlook che hanno fatto la storia delle acconciature, prima tra tutti The Rachel, il taglio scalato sfoggiato da Jennifer Aniston negli anni ’90, realizzato da Chris McMillan, che non passa mai, mai, mai, di moda e che è ancora stracopiatissimo.

Nella gallery tutte le serie Tv che hanno regalato massime ispirazioni in fatto di capelli da ricercare e “pinnare” su Pinterest. 

LEGGI ANCHEhttps://www.vanityfair.it/beauty/trend-beauty/2020/11/13/gossip-girl-reboot-beauty-look-piu-belli-capelli-makeup-blake-lively-leighton-meester

LEGGI ANCHECapelli, 10 ispirazioni (per le feste) da Anya Taylor-Joy in «La Regina degli Scacchi»

LEGGI ANCHELe beauty lesson che abbiamo imparato dalle serie tv anni '90

news n°
100758
From gossip
10 May 2021

1941 is a review of our darkest past, the one in which humanity was exalted in violence. In this case, José Urrutia is inspired by the battle of Pearl Harbor, which on its 80th anniversary should make us reflect on the trauma that any war causes. Therefore, it is an anti-war chant that is reflected in disturbing looks, with clear references to the military world. Curls that fall in an open and clear cascade like the effect of a bomb; haircuts with shiny and impeccable fringes, typical of the discipline of the army; tousled finishes and unstructured haircuts that remind us of those who suffer the devastating effects of war; and raised toupees that take us back to the aesthetics of a painful time.

Hair: Jose Urrutia @Peluquería Jose Urrutia
Hair Instagram: @pjurrutia
Hair Assistant: Veronica Calpa Perugachi
Assistant Instagram: @calpaperugachi
Photography: Esteban Roca
Photography Instagram @esteban_roca_photo
Retouching: Esteban Roca
Retouching Instagram: @esteban_roca_photo
MUA: Nacho Sanz
MUA Instagram @nacho_sanz_makeup
Styling: Visori FashionArt
Styling Instagram @visorifashionartstudio

hair-collections

Thanks for your like and your comment !

news n°
100663
From gossip
11 May 2021


Scopri www.7777777.it
7 volte 7

Scopri il mondo
che gira intorno al tuo lavoro!

Ogni giorno le notizie di moda, cronaca, gossip, etc.

news n°
100733
From gossip
07 May 2021

Find out the latest hair collection called Re-exposure, made by Jason Hall, the international hairstylist from UK.

Hair: Jason hall
Photography: Desmond Murray
Make Up Artists: Kelly Cripps and Jo Sugar
Models: Colours Agency

hair-collections

Thanks for your like and your comment !

news n°
159831
From beautynews
10 May 2021
Sono in molti a credere che parlare ai neonati sia inutile perché tanto non possono comprendere il significato delle parole. Diversi studi scientifici confermano invece l'importanza di parlare coni bambini fin dai primi giorni di vita. La psicologa e psicoterapeuta Elisa Marcheselli ci spiega perché e quale è il modo giusto per rivolgersi ai più piccoli.
news n°
159832
From beautynews
11 May 2021
A distanza di due mesi dall'intervista scottante rilasciata a Oprah Winfrey, Meghan Markle è tornata in tv per parlare della campagna vaccinale e di quanto la pandemia abbia influito negativamente soprattutto sulle donne. A completare il suo look premaman c'era un ciondolo dal significato speciale, un vero e proprio inno al Girl Power.
news n°
100851
From gossip
11 May 2021

Find out the latest hair collection by Stefano Conte, the international hairstylist from Italy.

hair-collections

Thanks for your like and your comment !

news n°
159838
From beautynews
11 May 2021
Calzedonia e i costumi dell'estate 2021 sono i protagonisti di due nuovi spot che vantano musiche firmate da Caroline Koch

Il marchio italiano di intimo e beachwear torna sul piccolo schermo con due nuovi spot tv dedicati alla nuova collezione mare 2021. Protagonisti della scena, naturalmente, sono i coloratissimi bikini del brand, tra stampe floreali e animalier, delicate nuance pastello e luccicanti tessuti glitterati. Modelli che delineano le tendenze della bella stagione in arrivo, mentre iniziano a farci sognare le spiagge assolate e i prossimi tuffi nei mari più azzurri del mondo. La nuova linea Calzedonia di costumi da bagno punta a valorizzare la silhouette e le forme, e grazie alle numerose proposte di due pezzi, triangoli e fasce, permette a ogni donna di trovare lo stile più adatto. 

Calzedonia Mare 2021
Calzedonia Mare 2021
Calzedonia Mare 2021
Calzedonia Mare 2021

Gli spot sono accompagnati da una colonna sonora studiata ad hoc che si sposa alla perfezione con il mood free-spirit della campagna. Le good vibes musicali sono state create da Caroline Koch, dj, cantante e producer italo-tedesca che ha iniziato la sua carriera giovanissima arrivando a lanciare la Sound Agency “Koraline”. Le sue influenze eclettiche e il suo talento compositivo sono alla base di Sunshine, il brano che accompagna gli spot della collezione Calzedonia Mare 2021. Un sound fresco e contemporaneo che oltre ad accompagnare le immagini della collezione richiama subito un’atmosfera rilassata e spensierata ispirata dal mantra We’re living it up!.

Calzedonia Mare 2021
Calzedonia Mare 2021
Calzedonia Mare 2021
Calzedonia Mare 2021

Nella vita di Caroline Koch la musica è sempre stata una costante. L’esperienza discografica inizia a soli 17 anni, ma la voglia di sperimentare la conduce nel mondo dei club, dove è riuscita a esprimere il suo talento eclettico, nell’unione di beat, melodia e voce collaborando con artisti e produttori di fama internazionale. Il suo ultimo progetto discografico, in collaborazione Warner Music Italy, risale al 2019 con l’Ep Stars Aligned presentato in anteprima a Milano con un evento speciale all’Apollo Club. E da lì la svolta: Caroline decide di alimentare la sua passione per la musica convertendola in un business, fonda la sua agenzia e realizza finalmente il suo sogno: studiare, definire e creare identità musicali e tailor made su misura.

Calzedonia Mare 2021
Calzedonia Mare 2021
Calzedonia Mare 2021
Calzedonia Mare 2021
Calzedonia Mare 2021
Calzedonia Mare 2021
Calzedonia Mare 2021
Calzedonia Mare 2021
news n°
159845
From beautynews
11 May 2021
Loveshackfancy
Hill House
Zara
COS
Nap
Mango
Dôen
Boohoo
Sleeper
H&M
Skall Studio
Cecilie Bahnsen
The Laigne
Faithfull The Brand
& Other Stories
Lisa Marie Fernandez
Rejina Pyo
Zimmermann
Rhode
Ganni

Un abito disinvolto e al contempo sofisticato, ricorda il prairie dress – il modello rètro dalla gonna a campana, con tante ruches – ma è molto più lineare. Gli inglesi l’hanno rinominato nap (o house) dress -, perché via di mezzo tra un bel vestito per l’home working e la mise giusta per uscire. In pratica è un abito midi, che arriva a metà polpaccio, morbido, dal fondo ampio, con le maniche a sbuffo, corte o lunghe. Non ha però niente a che fare con la camicia da notte, anche se la sua forma rilassata la ricorda molto. Ha piuttosto a che fare con il comfort più assoluto.

Noi di Vanityfair.it lo abbiamo rinominato come l’abito più comodo che c’è perché, in questa pandemia che non vuole terminare, è perfetto per stare in casa con stile e, se abbinato ai giusti accessori, è il vestito ideale per sfrecciare direttamente dalla propria dimora a un pranzo o a un aperitivo. Ci sono star, come Emma Roberts, Tallulah Willis e Alexa Chung, che da anni li indossano come veri statement look, anche per un drink con gli amici o per quattro passi per le vie della città. Pioniera indiscussa fu Carrie Bradshaw quando, nella quinta stagione della serie tv Sex and the city, scendeva dal suo appartamento, proprio con un nap dress addosso, per andare a prendere in edicola il giornale che recensiva il suo libro.

Una scena di Sex and the city

 

Ci sono brand, come Sleeper, Loveshackfancy e & Other Stories, che da tempo creano questi abiti loungewear, stilosissimi. E poi ci sono nuovi marchi nati in lockdown, che hanno impiegato mesi per creare il modello perfetto. «Come casalinga, e come la maggior parte delle donne, amo sentirmi comoda ed elegante sia a casa sia quando esco – ha dichiarato Nell Diamond, fondatrice e CEO del brand d’abbigliamento Hill House Home a Real Simple – Il nostro Nap Dress ha richiesto 18 mesi per essere perfezionato, volevo infatti realizzare un capo universale che servisse a entrambi gli scopi».

Così, nella gallery, abbiamo raccolto 20 abiti da avere, ora, in guardaroba. Sono effortless al punto giusto da essere sfoggiati dallo smart working all’ora dello Spritz. Ma per renderlo davvero chic, «da uscita», sono i dettagli giusti a contare. Niente felpe alla Carrie Bradshaw, per intenderci. Piuttosto un blazer, una scarpa dal micro tacco o un paio di anfibi, un gioiello importante, una cintura in vita e una borsa in paglia o in crochet spensierata come l’estate.

LEGGI ANCHEAbiti da sposa, le idee per una cerimonia easy

LEGGI ANCHETorna «Emily in Paris»: ecco i primissimi look

news n°
159833
From beautynews
11 May 2021
Billie Eilish riporta in auge il corsetto, proponendo uno stile sensuale e dal tocco vintage

Quello di Billie Eilish è il nome dei record, dei 65 milioni di dischi venduti, dei 7 Grammy Awards, dei red carpet in mise oversize con pantaloni baggy, sneakers e cappello da pescatore. Tornado indie pop che ha sbalzato la trap dalle classifiche internazionali spostando l'assetto musicale verso un mood più intimista e malinconico, la giovane artista statunitense non ha solo ridefinito il soundtrack del nuovo decennio, ma ha sradicato i canoni dell'estetica da diva con uno stile sportivo, informale e spiccatamente street. Per questo, la copertina che British Vogue le dedica per il mese di maggio ha scosso non poco la coscienza collettiva abituata a capelli verde fluo e outfit total-black: onde bionde e lingerie in seta nude vestono una Billie pin-up che mostra, fiera, una sensualità in boccio. 

Sulla scia di Rihanna e Lizzo, quest'inedita versione della pop star anticipa lo spirito del suo nuovo album, Happier Than Ever, in uscita il 30 luglio, sulla cui cover la Eilish si presenta con accappatoio bianco, un make-up naturale e la chioma tinta d'oro. Languida come le sue canzoni che al sound elettronico uniscono vibrazioni vintage e un sottofondo nostalgico à la Lana del Rey, Billie è oggi responsabile di una tendenza tutta bustier che ricorda la vague burlesque di Dita von Teese, indicandoci non solo i modelli, ma anche i colori e i tessuti su cui puntare per una mise da novella Marilyn Monroe

Il corsetto in seta e raso color cipria

Un rosa fané e polveroso caratterizza gli scatti più romantici dello shooting di British Vogue, con bra di raso Mariemur che fanno capolino sotto bustier di Andreas Kronthaler per Vivienne Westwood o abiti Alexander McQueen con corsetto di seta in rosa antico e gonna drappeggiata. L'ispirazione hollywoodiana anni 50 incontra l'amore vittoriano per l'intimo rigido e steccato, con il risultato finale di un'estetica sofisticata e sobria, che pur eleggendo la lingerie al ruolo di abito non sfocia mai nell'eccesso, nel provocatorio. 

In linea con il sentimento poetico e rétro di queste primi ensemble sono corsetti nelle tonalità di rosa più delicate, dal color cammeo a un più vivido rose gold, da declinarsi su tessuti brillanti quali raso e seta, o su leggerezze impalpabili e vezzose come nel caso del taffetà. L'abbinamento è sempre in ton sur ton, con maniche dal design libertine di Sororité Vintage, calze in bronzo opaco Dior sostituibili da un pantalone attillato e sandali oppure con gonne di lattice Agent Provocateur alternabili a modelli tubino in maglieria leggera.

Agent Provocateur
Agent Provocateur
Alberta Ferretti
Alberta Ferretti
Dolce & Gabbana
Dolce & Gabbana
Spanx
Spanx
Maison Close
Maison Close
Il bustier nero dai toni bondage

Più irruenti e couture sono gli scatti che vedono il ritorno del nero caro a Billie, che in questo caso si discosta dalle consuete dimensioni sovrabbondanti dei suoi outfit per sublimarsi in bustier Valentino e Mugler. La trasparenza è elemento cardine delle mise in total-black, una consistenza rivelatoria che lascia intravedere cosce e curve del seno sotto voile di seta e mantelle in pizzo. 

Il design è ibrido, con taglio scultoreo che si delinea direttamente sul corpo della cantante, una rigidezza che crea un contrasto magnifico con l'impalpabilità del materiale. Decolleté Roger Vivier a sugellare l'insieme, la versione predatrice di Billie spinge verso una lingerie di reggicalze e dettagli metallici, un bondage superiore frammisto di eleganza e spregiudicatezza, che nel quotidiano si presta a sottogiacca con blazer sagomati, pantalone sartoriale e tacco alto. 

David Koma
David Koma
Dodo Bar Or
Dodo Bar Or
Kiki de Montparnasse
Kiki de Montparnasse
Maticevski
Maticevski
Versace
Versace
Victoria Beckham
Victoria Beckham
La lingerie classica in sfumature di bianco

Il fascino della lingerie di una volta sta tutta nella mancanza di pretese, nella sua volontà più funzionale che estetica. Con l'intento di sostenere il corpo della donna e favorirne una maggiore comodità, corpetti e body rétro ne valorizzano il contorno, ne enfatizzano le morbidezze: in sostanza, la loro bellezza sta nella disinvoltura. Questa l'idea dietro due delle immagini che completano il servizio di British Vogue: nella prima, vediamo una Billie Eilish di stampo British, con bustier color panna e trench beige scuro firmati Burberry; nella seconda, un intrico di lacci Balmain che ricorda l'antica corsetteria settecentesca, impalcatura dai mille nodi che si declina in abito e guanti opera. 

L'umore degli outfit è agé, quasi domestico, paradosso di una quotidianità passionale in cui godere della propria avvenenza. Il candore del bianco è perfetto per esaltare l'essenza nonchalant di questa ulteriore interpretazione dell'intimo femminile, con abbinato un contrasto di luminosità dato dal patchwork di materiali, completando con un abbinamento urbano di capospalla leggero e kitten heel. 

Burberry
Burberry
Dion Lee
Dion Lee
La Perla
La Perla
Moschino
Moschino
Raquette
Raquette
news n°
100817
From gossip
11 May 2021
arturo pegorin
Arturo Pegorin

Gianni e Federico ricordano il padre con un progetto a lui dedicato

Ad un anno dalla morte del Cav. Pegorin, dal 1946 nel mondo del professional hair care e per oltre trent’anni alla conduzione dell’Azienda assieme ai figli, si gettano le basi per la creazione di una Fondazione a suo nome.

SAN MARTINO DI LUPARI (PADOVA), 10 Maggio 2021. E’ trascorso un anno dalla morte del Cav. Arturo Pegorin, padre di Gianni e Federico, oggi Presidente e Amministratore delegato di PETTENON COSMETICS e Agf88 Holding.

Un uomo determinato, tenace e appassionato che ha creduto nel progetto imprenditoriale dell’allora fondatore di Pettenon Cosmetics, Mario Pettenon, che lo ha voluto a suo fianco fin dal 1946 nel suo viaggio nel mondo della bellezza, lasciando, alla sua morte nel 1988, la conduzione dell’azienda a lui e ai suoi figli.

Il Cav. Arturo Pegorin si è formato sul campo, seguendo i consulenti esperti di chimica chiamati in azienda per creare le formulazioni, occupandosi in prima persona inizialmente della produzione di rossetti, smalti, ciprie e poi di prodotti professionali per acconciatori che sono tuttora il core business aziendale. I figli lo affiancarono presto nella vita lavorativa, portando Pettenon Cosmetics ad essere la capostipite di un Gruppo industriale internazionale, AGF88 Holding, il quale ha chiuso il 2020 con un giro d’affari di 160 milioni di euro.

Ogni giorno in azienda, anche per poche ore negli ultimi anni, Arturo Pegorin aveva un’area a lui dedicata dove svolgeva semplici attività assieme ad alcuni collaboratori. Si è sempre contraddistinto per la sua grande voglia di lavorare ed essere a fianco dei figli, anche quando la salute lo aveva penalizzato.

arturo pegorin figli
Arturo Pegorin con i figli Gianni e Federico

In occasione del primo anniversario, i figli lo ricordano con commozione ...

“La perdita di papà Arturo ha lasciato un grande vuoto in noi e nelle nostre famiglie: è stato per tutti un punto di riferimento e ci ha donato una preziosa eredità, morale e intellettuale. Lo sentiamo vivo ogni giorno all’interno della nostra Azienda, il suo ricordo è il nostro faro: si è sempre contraddistinto per il continuo impegno verso gli altri e l’estrema generosità. La solidarietà, uno dei valori aziendali che maggiormente lo rappresentano, è alla base di progetto speciale che porterà il suo nome. La “Fondazione Arturo Pegorin” sarà il nostro modo di onorare la sua memoria: raccoglierà i molti progetti charity già attivati e i molti altri che si andranno a delineare in futuro”.

Gianni e Federico Pegorin

La Fondazione si occuperà di portare avanti le collaborazioni già in essere, come quelle pluriennali con Gruppo Polis, I Bambini delle Fate, Città della Speranza, Crossabili, Fondazione Fontana, oltre a nuove partnership, operando nel campo della violenza di genere, povertà, cooperazione e integrazione, inclusività e disabilità, ricerca scientifica e mecenatismo.

news n°
159840
From beautynews
11 May 2021

Una stanza di sole ragazze, i cellulari tempestati di applique gioiello, accessori vistosi, rose e farfalle, lenzuola e cuscini rosa a loro volta. La sfilata digitale per la collezione A/I 2021-22 di Blumarine – art direction di Harley Weir, styling di Lotta Volkova – è un po’ come fare un salto nella camera da adolescente di ogni trentenne, le stesse che erano teenager quando The Simple Life con Paris Hilton era il reality che avrebbe lanciato le famose senza talento, e Britney Spears la santa protettrice delle ragazze girly. «Le fotocamere sono l’autografo del nuovo millennio», sentenziava Paris, guest star di The O.C. (correva l’anno 2004), impugnando un flip-phone di quelli che si rivedono oggi sui profili Instagram che celebrano la nostalgia degli anni Duemila.

Vent’anni dopo, quel mondo di riferimenti estetici è qui per restare e Nicola Brognano, direttore creativo di Blumarine da febbraio 2020, lo ha scelto per reimmaginare lo storico marchio fondato da Anna Molinari e dal marito Gianpaolo Tarabini. «Quello che mi affascina dell’estetica di quel periodo è quest’idea di libertà, di sexyness, di felicità e voglia di osare. Negli ultimi anni la moda è stata minimale, concettuale, e ho sentito il bisogno di qualcosa che fosse uno “statement”, e cosa meglio di quegli anni, che ho vissuto in prima persona e posso reinterpretare in una chiave attuale», racconta Brognano, nato nel 1990 sotto il segno della Bilancia, ascendente Sagittario (quando gli chiedo del suo rapporto con l’astrologia dice ridendo di non essere di quelli «fissatissimi», anche se ammette di essere andato diverse volte da un astrologo, per curiosità e divertimento).

Abito in maglia con ricamo farfalla sul corpino, manicotti in maglia e choker in pizzo macramé, Blumarine, A/I 2020-21.
Abito in maglia con ricamo farfalla sul corpino, manicotti in maglia e choker in pizzo macramé, Blumarine, A/I 2020-21.

Spesso si è scritto che il #MeToo abbia influenzato la moda facendo sparire il “sexy” dalle passerelle (un’affermazione non vera, semplicemente era sparito un certo modo di essere sexy) e che le donne non ne volevano più sapere di piacere. Nelle ultime stagioni, invece, complice la pandemia che ha azzerato la socialità e ci fa sentire la mancanza delle relazioni, molti designer hanno riscoperto la voglia di valorizzare il corpo.

La femminilità con cui Brognano gioca da Blumarine, però, affonda le sue radici nell’archivio del marchio, da sempre sinonimo di freschezza e romanticismo spensierato, e che lo stilista sta cercando di raccontare a quella generazione digitale per cui le icone pop con cui sono cresciuti i trenta-e-qualcosa hanno il fascino del vintage. «La sensualità per me è un’attitudine, una sensazione che hai dentro e che è legata alla tua voglia di trasmetterla. Può essere spudorata o meno, è qualcosa che una donna usa quando decide di voler piacere o farsi guardare», spiega.

(Continua)

In apertura: Nicola Brognano, classe 1990, da febbraio 2020 è direttore creativo di Blumarine

Leggete l'intervista integrale sul numero di maggio di Vogue Italia, in edicola dal 5 maggio
Your browser is too old for our new website. It would be best if you went to a more recent and secure browser version. Using this browser may cause security or usage problems.
X
Vendita ECommerce Prodotti per parrucchieri | ECommerce | GLOBElife | E TRENA | Tinture per capelli | Piastre per capelli | Articoli per parrucchieri | Spazzole per capelli